Gentile collega,

com’è noto, dal 1° gennaio 2014 gli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, iscritti all’albo, ai sensi del D.P.R. n. 137/2012, hanno l’obbligo dell’aggiornamento professionale continuo e devono, pertanto, acquisire 60 crediti formativi professionali (CFP) nel triennio 2014-2016, di cui 12 CFP sui temi delle discipline ordinistiche.

Se non avessi ancora provveduto all’acquisizione dei CFP ti raccomandiamo di scegliere al più presto un’offerta formativa adeguata alle tue esigenze, al fine di regolarizzare la tua posizione.

Ti ricordiamo che il 30 giugno 2017 scadrà il semestre di ravvedimento operoso, termine ultimo per regolarizzare la propria posizione; al termine di tale periodo la posizione che risulterà ancora irregolare verrà comunicata al Consiglio di Disciplina per i conseguenti adempimenti.

Ti ricordiamo, infatti, che la violazione dell’obbligo costituisce illecito disciplinare (ai sensi dell’art. 7 DPR 137/2012 e dell’art. 9, comma 2 del Codice Deontologico) e che la mancata acquisizione di un numero di CFP superiore al 20% (12 CFP) determinerà la sospensione dall’esercizio della professione.

Di seguito vengono per maggiore chiarezza riepilogate le sanzioni disciplinari, approvate nella Conferenza degli Ordini del 22 luglio 2016, cui si incorre per il mancato rispetto dell’obbligo formativo.

CFP mancati Sanzione
fino al 20% (12 CFP) Censura
oltre al 20% (oltre 12 CFP) sospensione pari a 1 giorno per ogni credito mancante

Rammentiamo che, per essere in regola, è necessario nell’ambito d